La porno Puglia tramite una frisella

Il piacere di farsi una frisella (friseḍḍ) è un privilegio che non dovrebbe essere negato a nessuno. La bellezza nel rituale, le semplici regole da seguire – e non in ordine sparso – ti fanno sentire subito a casa.

Il momento migliore e più importante è quello di quando si bagna la frisa, è così complicato raggiungere il nirvana della morbidezza della frisa che dovrebbero esserci dei corsi appositi con rilascio di certificato riconosciuto a livello nazionale.
Perché basta poco per strafare, ci metti più acqua del dovuto e la frisa sarà persa per sempre, sfracellata in un bagno d’acqua. Ad alcuni piace più dura, ad altri un po’ più morbida ma, in tutti questi anni, io ho capito una cosa: LA FRISA TE LE DEVI FARE DA SOLO. Un po’ come quando ti mettono il latte nella tazza della colazione, solo tu sai qual è la quantità giusta per avere l’equilibrio giusto fra nutrimento e gusto, solo tu conosci la proporzione giusta latte/cereali.

Subito dopo c’è il momento più delicato: la spruzzata di succo di pomodoro fresco.
È fondamentale capire che ci vuole prima di tutto ESPERIENZA. Non è semplice, non vi sognate di arrivare prepotentemente con un coltello in mano e tagliare in due il pomodoro. No, belli miei.
Il taglio deve essere preciso, quasi chirurgico. Non fino in fondo e sopratutto diametralmente opposto al picciolo. Ho raggiunto ottimi risultati anche facendo una X, come per le castagne.
In seguito si preme piano piano e si lascia fuoriuscire il succo direttamente sulla frisa.
Non con troppa veemenza, il rischio di farsi venire il pomodoro addosso è probabilmente il ricordo più brutto di ogni bambino pugliese. Ricordo ancora in maniera decisamente lucida quando un pomodoro bastardo mi venne in un occhio. Non ve lo auguro. 

Poi si passa all’origano che nonostante penso sia la spezia più difficile da digerire, io ne metto a quintali. Non mi importa quanti rutti farò dopo, non mettere l’origano su una frisa è come fare riso patate e cozze senza le cozze.
Una spolverata di sale come se fosse polvere di fata di Peter Pan e uno schizzo di olio EVO anch’esso pugliese spremuto a mano di solito dal vicino di casa.

Lasci a riposo per non più di 30 secondi affinché tutti gli ingredienti si presentino fra di loro e possano avere la possibilità di socializzare un attimo e via.

Metti in bocca e lasci che la Puglia si infiltri dentro di te. Le pupille si dilatano e riesci a vedere i muretti a secco in lontananza. Se ti concentri pure qualche trullo.
Così per ogni frisella.
Poi finiscono, ti passa la sbornia e ti entra lo smog nel naso.

[Incredibile come io riesca a far sembrare un racconto porno qualsiasi cosa la mia mente partorisce.]

One thought on “La porno Puglia tramite una frisella

  1. ciao,
    adoro le friselle pugliesi e ti ringrazio per il tuo fantastico racconto sulla loro preparazione. dopo aver letto questo post, preparare la frisella pugliese non sarà più la stessa cosa per me ^_^

    mi sembra di capire che non ti piaccia molto cucinare…. gran peccato! ^_^
    Iris

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...